Domande Frequenti

Domande frequenti sulle Case di Legno

Le Case di Legno possono prendere fuoco?

Una domanda che sorge spontanea quando si pensa al legno, ma anche una paura infondata da cui è giusto liberarsi.

Le case di legno hanno un’ottima resistenza al fuoco grazie a un trattamento del legno con sostanze ignifughe non tossiche ritardanti. Inoltre, la caratteristica isolante del legno, unita alla scelta di tronchi di notevole superficie, permette una penetrazione del fuoco molto lenta.

Se ciò non fosse sufficiente va ricordato che il legno, per sua natura, prende fuoco per autocombustione una volta superati i 300°. L’acciaio con cui è solitamente costituita l’armatura portante dei solai di una casa tradizionale si dilata invece a una temperatura di 200°, determinando un rischio di crollo maggiore rispetto a quello di una casa in legno.

Le Case in Legno sono antisismiche?

Grazie al rapporto tra la resistenza statica e il peso del legno con cui vengono costruite, le abitazioni possono sopportare scosse sismiche molto forti senza subire deformazioni. Basti pensare che in Giappone, paese a rischio sismico particolarmente elevato, le case vengono generalmente costruite in legno.

Quanto dura una Casa in Legno?

Un’abitazione in legno dura almeno 20 anni senza alcuno sforzo. Come per ogni casa tradizionale, la manutenzione e l’attenzione ordinaria possono però fare la differenza e allungare la vita della struttura oltre i 50 anni o più.

I tarli sono una minaccia per le Case di Legno?

I legni da noi utilizzati, d’abete (e in alcuni casi di pino, per gli infissi) sono raramente attaccati dai tarli che preferiscono invece tipologie di legno più esotici e tropicali. Tarli che peraltro riescono a malapena a scalfire le superfici di un vecchio mobile, fatto in genere con legno molto morbido. Le possibilità che attacchino una trave e riescano a scalfirne la solidità strutturale sono inesistenti.

Inoltre, il legno delle case è soggetto a trattamento anti-muffa, umidità e tarli e parassiti in generale.

Quali garanzie offrite sulle vostre Case di Legno?

Oltre alle garanzie offerte dai nostri fornitori (generalmente dieci anni su tutti i materiali), Biodoma offre una garanzia di quindici anni su qualsiasi difetto di fabbricazione o di montaggio di nostra competenza.

Quali autorizzazioni occorrono?

Se si tratta di un edificio ad uso abitativo serve una normale concessione edilizia come per qualsiasi altra casa. Bisogna quindi affidarsi ad un geometra, architetto o ingegnere per l’elaborazione dei progetti, delle relazioni tecniche e quant’altro previsto per il rilascio della concessione nel comune di residenza. Se richiesto, Biodoma può mettere in contatto con uno dei numerosi professionisti del settore con cui collaboriamo abitualmente in tutta Italia.

È possibile richiedere un muto per una Casa di Legno?

Sì, è possibile e va richiesto come per una normale abitazione. Le nostre strutture sono in tutto e per tutto equiparate alle tradizionali case in cemento.

Biodoma fornisce la certificazione sul risparmio energetico?

Su richiesta del cliente Biodoma fornisce tutta la documentazione necessaria per redigere la certificazione sul risparmio energetico.

Biodoma può aiutarmi nell’installazione dei pannelli solari sulla mia casa?

Sì, su richiesta è possibile dotare le Case di Legno di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica e di impianti solare termico per la produzione di A.C.S. (acqua calda sanitaria). Possiamo fornire l’intero impianto, la consulenza tecnica necessaria e l’assistenza nel disbrigo di tutte le pratiche finalizzate ad aprire un conto energia. Inoltre, possiamo provvedere all’installazione dell’impianto e al suo collaudo, alla copertura assicurativa e a espletare tutte le pratiche per ottenere i contributi statali che permetteranno il recupero dell’investimento in poco tempo e un reddito che si protrae per circa dieci anni.